Come gestire le trasferte - rimborsi spesa - km- fringe-benefit in azienda

PREMESSO CHE:

  • I dipendenti e gli amministratori devono essere autorizzati a svolgere trasferte e/o missioni nell’interesse dell’azienda ed è indispensabile la presenza della distinta analitica delle spese e dei viaggi sostenuti, vedi prospetto allegato che deve essere compilato in ogni sua parte.

  • Tutto quanto erogato e/o rimborsato al dipendente e amministratore deve essere inserito nel LUL (cedolino paga);

  • Le suddette distinte devono essere archiviate per almeno n. 5 anni.

TRASFERTE

  • Nel caso in cui il lavoratore presti la sua manodopera all’esterno del luogo d’assunzione (in trasferta) e sia spesato dall’azienda, pranzo/cena/pernottamento, il massimo della trasferta che gli può essere riconosciuta è di € 15,49 per spese Non documentate;

  • Nella distinta si devono allegare pezze giustificative e/o indicare c/o………, giustificazione dimostrabile in caso d’ispezione;

SETTORE EDILIZIA ED AUTOTRASPORTO: si applica quanto previsto dal CCNL.

RIMBORSI KM

  • L’esenzione contributiva/fiscale NON è prevista per il rimborso kilometrico del “tragitto casa-lavoro” e dei kilometri percorsi all’interno del comune della sede di lavoro.

  • Di norma l’esenzione spetta quando il tragitto inizia dalla sede lavorativa del dipendente o dell’amministratore, salvo casi particolari;

  • Nel caso il lavoratore abiti, ad una distanza inferiore tra la sede lavorativa ed il luogo da raggiungere, la distanza km si calcola partendo dall’abitazione;

  • Per calcolare l’importo per il rimborso km si utilizzano le tariffa ACI aggiornate in base all’autoveicolo utilizzato;

  • Il rimborso km spetta se l’autovettura utilizzata per il viaggio NON è aziendale.

RIMBORSO SPESE

  • Nel caso in cui il lavoratore anticipi le spese per conto della società dovrà portare tutte le pezze giustificative, es. ricevute pasti, cartoleria ecc., naturalmente devono essere inserite nella suddetta distinta;

  • Non si può rimborsare spese carburante se il lavoratore utilizza il proprio automezzo e gode del rimborso km.

FRINGE-BENEFIT

  • i fringe-benefit di solito sono beni e servizi forniti al dipendente diversi dalle somme in denaro.

  • Se il lavoratore gode dell’Appartamento dato in uso dalla società, questo risulta essere un fringe-benefit

  • Se al lavoratore viene dato ad anche ad uso promiscuo l’auto aziendale, questa risulta essere fringe-benefit;

  • Eventuale differenza riscontrata tra il rimborso km riconosciuto al lavoratore ed a quanto previsto dalla tariffa ACI risulta essere un fringe-benefit.

Tutti i fringe-benefit DEVONO essere segnalati all’ufficio paghe.

Darzo, 16/11/2022