Domande e Risposte sui Bonus Edilizia - Ep.3

Immobiliare che effettua lavori conto terzi

D: Una srl che svolge attività immobiliare (sia compravendita di immobili che costruzioni/ristrutturazioni) può usufruire del 110% in relazione a immobili oggetto della propria attività?

R: No, il nuovo articolo 119 del DL 34/2020 non contempla la possibilità per le società (e in genere per tutti i soggetti che svolgono attività di impresa) di fruire dell'agevolazione 110%, se non per le parti comuni degli immobili che insistono all'interno di condomini.

Le società immobiliari possono però intraprendere iniziative immobiliari con fruizione dell'agevolazione sisma-bonus (per gli acquirenti degli immobili ristrutturati), a patto di operare nelle zone sismiche territorialmente individuate come agevolabili.

Esiste inoltre per le società e imprenditori in genere la possibilità di accedere alle agevolazioni ecobonus del 65% relativamente agli immobili strumentali.

Immobili categoria A utilizzati come ufficio

D: Nel caso di immobile A/2 dato in locazione ad uso ufficio a dei professionisti, il proprietario può usufriure dell'agevolazione 110% in presenza degli altri requisiti?

R: Il proprietario può usufruire del Superbonus. Tale beneficio fiscale è riconosciuto ai contribuenti che possiedono l'immobile in base alla titolarità di un diritto reale di godimento (proprietà, usufrutto, etc.). Nel caso di immobile locato, inoltre, il beneficio fiscale sarebbe riconosciuto anche al locatario, previa autorizzazione, (cfr. C.M. 24/20 punto 1.2). Lo steso documento di Prassi chiarisce, inoltre, che per poter usufruire della detrazione è necessario che l'immobile abbia la effettiva destinazione residenziale, da inquadrare con riferimento alle risultanze catastali! Quindi in base ai documenti di prassi disponibili sino ad oggi, anche se l'immobile è utilizzato da un'attività professionale, il solo fatto che lo stesso sia contrassegnato dalla lettera A è sufficiente per fruire dell'agevolazione.

Numero massimo di immobili agevolabili

D: Un soggetto è unico proprietario di un immobile agevolabile, è comproprietario insieme alla moglie di un altro immobile (pure agevolabile) e comproprietario insieme ai figli di tre immobili all'interno di altrettanti condomini. Può usufruire delle agevolazioni su tutti gli immobili in oggetto?

R: Ai sensi dell'articolo 119, comma 10 del D.L. 34/2020, i contribuenti persone fisiche i contribuenti persone fisiche possono beneficiare del Superbonus relativamente alle spese sostenute per interventi realizzati su massimo due unità immobiliari. La disposizione stabilisce, altresì, che tale limitazione non si applica, invece, alle spese sostenute per gli interventi effettuati sulle parti comuni. Con riferimento allo specifico caso riportato nel quesito si ritiene che il contribuente possa fruire del Superbonus sia sull'immobile di cui è unico proprietario, si sull'immobile in comproprietà con la moglie e sia sulle parti comuni condominiali dei condomini in cui sono ubicati gli altri tre immobili di cui è comproprietario con ifigli.